musicaequilibrigo.it


Vai ai contenuti

Menu principale:


Esperienze e viaggi in BARCA A VELA

Esperienze Viaggi > Esperienze e viaggi in BARCA A VELA

NEWS
Approfondimenti by
Musica
Equilibri
Go.it

MusicaEquilibriGo.it
Musica Arte Teatro Benessere

MusicaEquilibriGo.it
propone

Lezioni di Musica
Jazz Classica Moderna.
Pianoforte e Chitarra

Milano e Provincia

Naturopatia
Corsi di tecniche corporee, movimento e creatività

Esperienze VIAGGI e VACANZE

Esperienze Viaggi e Vacanze
IN BARCA A VELA

Nella sezione esperienze viaggi e vacanze di MusicaEquilibriGo.it trovi indicazioni particolari sulle esperienze vissute viaggiando in Italia e all’estero, a contatto di grandi città o in mezzo alla natura.
Le emozioni che si provano praticando nel mare la subaquea, e dopo un’immersione a contatto visivo con gli squali abbandonarsi ad una splendida crociera in barca a vela.

La maggior parte di noi deve ottimizzare al meglio le poche risorse economiche, il proprio tempo e la grande passione per i viaggi. Ti segnaleremo inoltre alcune risorse per le vacanze in agriturismo, in montagna a sciare o nel relax delle terme.

annunci

DIARIO DI BORDO del DAMA Le Grazie –Capraia


Sabato 30 Giugno 2007

Si salpa alle 0,15 dal piccolo e raccolto borgo che cinge il seno di Le Grazie, destinazione Isola di Capraia, rotta 180°. E’ una rotta tracciata parecchie volte, che mi regala ancora la sensazione del viaggio, del fuggire anche solo per un istante dalla realtà, dell’esplorare anche solo per gioco, del partire, dell’arrivare su un’isola distante, il riposo in un angolo sperduto reso ancor più magico dalla fatica del viaggio.
Davanti a noi le luci di coronamento del Bora D e del Green Pepper, sopra di noi quelle delle stelle e di una luna che si sfoggia in tutta pienezza proprio sulla nostra prua, alle nostre spalle ci lasciamo quelle del golfo di La Spezia. La nostra piacevole Dama, un recente Oceanis clipper 423 con scafo blu, naviga a 6 Kt circa a 2500 giri motore, e randa piena, aperta a fatica come la maggior parte delle rande avvolgibili mal riposte nell’albero. C’è un po’ d’onda lunga da SO, residuo della burrasca che fino a ieri imperversava da diversi giorni. Vento debole 5 Kt da S. La temperatura è gradevole.
La quarta barca aggregatasi alla partenza sparisce quasi subito, scopriremo al ritorno che ha dirottato per Livorno a causa dei malesseri dell’equipaggio.
Qualche scambio veloce sul canale 69 del VHF con Bora D, mentre il Green Pepper, uno yawl di 18 Mt con scafo in acciaio del 1982 è già avvolto dall’oscurità, dove ci porteranno anche Laura e Federico, al comando per il primo turno, mentre alla spicciolata l’equipaggio viene risucchiato dalla propria cuccetta, io scendo per ultimo, come al solito la prima notte fatico a riposare, mi addormenterò alle 2,00 ! Chissà quando riuscirò a mettere in pratica quello che so già da un pezzo, che lo skipper deve essere la persona più lucida e riposata, non la più stanca !
Alle 3,00 cambio turno. Io, Marina e Fulvio saliamo in pozzetto sotto l’occhio di una luna che non si tufferà mai in mare, presto scioglierà il proprio corpo nel cielo, dissolvendosi e trasformandosi da un bianco scintillante ad un rosso tenue allagando e macchiando le nuvole appena portate dal vento ! Marina è assorta e avvolta nello spettacolo, io gioco col navigatore cartografico, e Fulvio……Fulvio dorme sulla panca del pozzetto, come il seme di una cipolla avvolta dai suoi strati e sotto lo strato caldo di una coperta!
Chissà come procede la navigazione sulle altre due barche, specie sul Green Pepper ?
Intanto il crepuscolo che vuol spingere la notte un po’ più in la sta sbiancando il cielo a poppa, dal blu di prussia si passa al blu cobalto, mentre a prua le nuvole tentano di resistergli mantenendo l’oscurità.



Arrivano i primi delfini, ed è Marina che se ne accorge, anzi, in realtà li ha chiamati proprio lei ! Senza richiami vocali o gestuali, nulla di così appariscente, ha instaurato un collegamento intenso con la natura che la circonda, al punto da generare onde elettromagnetiche che dalle sue cellule si diffondono tutt’intorno inabissandosi nell’acqua e spargendosi come le onde di un sonar ! O forse era il rumore e la vibrazione di questo che per noi è solo un fastidioso motore ma che per loro è una litania ipnotizzante e carezzevole, ammorbidita dall’acqua.
La prua di Dama è il luogo del rendezvous, lì, assistiamo estasiati ai loro giochi, salti, incroci, tra di loro, tra le onde e con la nostra carena. Anche loro ci guardano, si sdraiano spesso sul fianco proiettando lo sguardo oltre il velo d’acqua che li separa dal mondo esterno e da noi, lasciando intravedere il loro ventre color ghiaccio, quasi consentendoci di entrare più in intimità con la loro danza!
Scompaiono e ritornano più volte fino al cambio turno delle 6,00. Poi si svegliano uno alla volta gli altri, Mariarita in testa. Poi si sveglia anche Eolo ! Tentenna intorno ai 10 Kt con provenienza dal 3°quadrante e siamo al traverso di Gorgona, ore 7,15, tutto procede come previsto!
Bordeggiamo a 6 Kt di media, in silenzio, l’aria si è fatta più fresca, le nuvole sembrano smentire le previsioni, superiamo il Bora D, in lontananza col binocolo si vede anche Green Pepper davanti a noi, li chiamiamo con il VHF per comunicare la grave notizia della fine dei bomboloni !!!!!
Purtroppo un po’ di sofferenza per l’onda di questa notte, aumentata leggermente nelle prime ore del mattino, ha infastidito il viaggio di alcuni, ma l’arrivo in Capraia, i primi bagni nell’acqua trasparente e la comparsa del sole fanno riapparire i sorrisi e il desiderio di non perdere una sola occasione per divertirsi . Già, la paura di non perdersi le occasioni, ecco perché dormo poco all’inizio, poi pian piano prendo il ritmo giusto, però che soddisfazione, la luna, i delfini……..i bomboloni !!!!
Dopo qualche ora nella baia a N di Capraia porto, ci spostiamo nella baia a SE, e usufruiamo dei gavitelli alla modica cifra di 45 Euro a barca, solite cose all’Italiana, che il comandante di Green Pepper preferisce sostituire con una bella multa di 300 euro decidendo di lasciare la barca all’ancora incustodita !
Il resto del pomeriggio se ne vola letteralmente a bordo del tender facendo lo slalom tra le barche e sotto le cime che le trattengono ai gavitelli, imitando improbabili scafisti con i loro clandestini quando scarico i poveretti in braccio ai bagnanti rilassati sugli scogli. Alcuni hanno gli abiti infradiciati per le onde microscopiche entrate nel canotto ancor più microscopico, che per il numero di persone ben al di la del massimo consentito, naviga sotto il pelo dell’acqua, praticamente è un sommergibile pronto all’immersione, anzi in immersione ! Altri invece, per esempio un avvocato, tanto per non fare nomi, hanno un abbigliamento consono ad un galà di un transatlantico in festa, scarpa con tacco 15 e minigonna inguinale ! Non capisco perché quel canotto non andava dritto .
Si continua con l’aperitivo a giri multipli, il ritorno e l’immersione col canotto, la cena a bordo di Bora D, tutti sono impegnati in svariate attività, chi cucina, chi aiuta a cucinare, chi distribuisce in pozzetto, chi canta, chi balla, a proposito un grazie al chitarrista della barca a fianco ….insomma….la solita vitaccia !!!!
E per concludere festa di compleanno duplice, auguri ancora a Simona e Fulvio, quanti anni facevate ? 33 e 35 ?

luca, il mitico skipper
Musica
Equilibri
Go.it
Esperienze e Viaggi

Domenica 1 Luglio 2007
Ore 0,30, lasciamo
l’isola di Capraia, più stanchi che mai, non molto convinti a dire il vero, compreso il sottoscritto, che maledizione non dorme mai !
La scelta sarà invece azzeccata, (grazie Tony), perché l’indomani mattina saremo alle 9,00 nel tanto amato e conosciuto seno a SO della torre scuola all’isola di Palmaria, dove trascorreremo il resto della giornata nell’ozio più assoluto. Al massimo ci vedrà impegnati in qualche tuffo.
Faccio il primo turno con Fulvio nella stessa posizione dell’andata, e Francesca che mi tiene compagnia! A dire il vero sonnecchiamo entrambi, quindi punto la sveglia ogni mezz’ora, non si sa mai !
Alle 3,30 è la volta di Laura e Federico, non so com’è andato il loro turno, ……chiedete a loro, se non quando incrociamo una nave che ci costringe a manovrare, rallentando e accostando.
Alle 6,00 ritorno in pozzetto con Fulvio, che governa lasciandomi imbacuccato nel sacco a pelo ancora qualche ora.
Poi sale Marina, ed ecco che salgono anche i delfini, certo !
Navighiamo in mezzo alla foschia, il mare è liscio come l’olio, nulla all’orizzonte, l’ecoscandaglio è in errore perché il fondale va oltre i 200 metri, ma ad un tratto di colpo si mette a suonare e indica 2,7 metri. Fermo il motore, e guardiamo intorno alla barca, il mare è blu, quel blu intenso che non si vede sottocosta. Poi di lato esce un delfino, e un sospiro di sollievo dalle nostre bocche.
Un sacco di emozioni quindi, piccole e grandi, dipende come si guarda l’esperienza che si sta vivendo, dipende quanto la vogliamo fare nostra, dipende quanto interesse ed entusiasmo ci mettiamo, certo alle volte è faticoso e noioso, ma ripaga sempre, come qualsiasi cosa nella vita !

Come diceva
Joseph Conrad, Tutto si può trovare in mare secondo lo spirito che guida la ricerca.
Possiamo anche trovare qualcosa di noi stessi che non sapevamo di avere, o di essere qualcosa che non credevamo di essere, ma questo capita ovunque, non solo in mare, quando si è a contatto serrato con la natura, cioè quando l’ambiente che ci circonda non è controllato e governato dall’uomo, come invece accade nelle città, dove ci sentiamo sicuri e padroni. Se puoi uniamo la scoperta di noi stessi alla scoperta degli altri, che in barca ci sono molto vicini, e con cui condividiamo gli spazi ristretti, persino l’aria, allora tutto è notevolmente accentuato. La vela è tante cose ma soprattutto è una vera palestra di vita, ed è per questo che l’amo!
Grazie a tutti coloro che condividono con me queste esperienze e questa in particolare, chi sa andare in vela darà certo una mano nelle manovre, ma tutti, danno sempre una mano, nelle manovre che la vita ci impone, e che spesso non siamo in grado di compiere da soli !

by
Luca


NEWS ARTICOLI

Elenco completo NEWS di MusicaEquilibriGo.it
--------------------------------------------------------------
LE ORIGIN
I DEL JAZZ
SPIRITUALS e GOSPEL

Nella prima parte abbiamo parlato dei WORK SONGS, legati all'ambiente di lavoro degli schiavi.
Gli SPIRITUALS sono canti di carattere religioso. Dal punto di vista musicale troviamo che sono canti organizzati in stile responsoriale.

continua.........
-------------------------------------------------------------
Johann Sebastian Bach

Johann Sebastian Bach nacque ad Eisenach in Germania dal 1685. La sua famiglia da diverse generazioni si dedicava alla musica. Studiò musica con il padre e con il fratello maggiore. La famiglia era formata da otto fratelli.

continua.............
---------------------------------------------------------------
Antonio Stradivari

Stradivari lavorò nella sua bottega a Cremona in Piazza San Domenico, con la collaborazione dei figli. Il suo talento e la sua creatività inizialmente la manifestò elaborando i violini di Amati. L’elaborazione sugli strumenti avveniva modificando la curvatura, intervenendo sulla vernice e lo spessore del legno.

continua..........
---------------------------------------------------------------
Il Clavicembalo

Il termine clavicembalo evoca immediatamente il Clavicembalo ben temperato, opera fondamentale formata da 24 preludi e 24 fughe scritta da Johann Sebastian Bach.

continua.......
---------------------------------------------------------------

La cultura del Benessere

Un sito con al centro del proprio interesse, oltre alla Musica, il Benessere.
Un sito che pone, affronta e indica le molteplici tematiche e le risorse web collegate alla cultura del Benessere,
sia fisico che mentale, come la
Naturopatia, lo Yoga, le tecniche di rilassamento, le caratteristiche delle varie discipline. Dal Wellness al Fitness fino a diversi Sport.

continua........


  • Curiosa nei box. esempio:
  • La vela incantata (DVD). Autore: Gianfranco Mingozzi. Editore: Sony Pictures H.E.. Anno: 2007
  • Omaggio alla vela. Autore: NA. Editore: Mondadori. Anno: 2005
  • Mar d'Africa. Storie di terre e di vento, di isole e di uomini: in barca a vela dal Mar Rosso verso gli oceani d'Oriente

Autore: Carlo Auriemma, Elisabetta Eordegh. Editore: Feltrinelli. Anno: 2002

  • Viaggio per ISOLE GRENADINES - Saint Vincent (Antille britanniche), . 8 notti presso VACANZE IN BARCA A VELA AI CARAIBI.
  • DVS SHOE COMPANY - MODA MARE - Sandali da mare - su YOOX.COM

Suola in gomma con incisioni - Logo stampato - Gomma

  • BEAR - MODA MARE - Slip mare - su YOOX.COM

Elasticizzato - Jersey - Interno semi-foderato - Logo - 80% Poliammide 20% Elastam

  • SCOTCH & SODA - MODA MARE - Boxer da mare - su YOOX.COM

Tessuto tecnico - Velcro - Interno con slip - Tre tasche - Logo - 65% Cotone 35% Nylon

Home Page | MusicaEquilibriGo | ARTICOLI NEWS | Musica CLASSICA | JAZZ ROCK | MODERNA e... | Musica Benessere | Musicisti e Miti | Strumenti Musicali | SCUOLE Musica e. | Lezioni di Musica e. | Teatro Concerti e.. | Testi Spartiti | Pc Music Software | Cd Dvd Midi Mp3 | Case Discografiche | Studi Registrazione | Tecno Hi-fi Web | Arte Mostre Cultura | Community e Blog | Cultura Benessere | NATUROPATIA | Esperienze Viaggi | Tempo libero | Sport e shopping | Mappa del sito


2007-2010 tutti i diritti sono riservati. Musica, testi e foto depositate. MusicaEquilibriGo.it non è responsabile del contenuto di eventuali siti esterni segnalati. | preludiochopin@hotmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu